Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il futuro di Internet? Ci ha rotto le scatole

A Catania nell’ambito del FRU (Festival delle Radio Universitarie) si è parlato delle prospettive delle radio e televisioni universitarie in Italia. Negli ultimi anni sono nate decine di nuove radio e alcune televisioni universitarie, un fenomeno che all’estero (Inghilterra e Stati Uniti ad esempio) da diversi anni è ampiamente sviluppato. E’ un fatto molto interessante: un segno vitale che potrebbe assumere anche in Italia una sua rilevanza economica oltre che culturale. La larga banda ha finalmente ‘liberato le frequenze’ radiofoniche e televisive che in Italia sono inaccessibili.

Complimenti agli organizzatori del FRU, l’Ateneo di Catania, gli sponsor che hanno sostenuto questo Festival dimostrando estrema attenzione verso un fenomeno denso di elementi positivi quanto mai necessari di questi tempi.

Il dibattito è stato molto acceso ed interessante, favorito dal sole della Sicilia. Ad un certo punto la discussione ha cominciato a prendere una direzione ‘classica’ sul ‘futuro di Internet’… Sono dieci anni che partecipo a convegni di questo tipo e quasi inevitabilmente si finisce per cascare su questo argomento.

Altrettanto spesso la discussione si polarizza dividendo tipicamente il panel in due schieramenti: i ‘supergiovani’ e i ‘matusa’… per dirla alla Elio. Trasformando talvolta il tutto in un banale dibattito ‘pro’ e ‘contro’. La cosa che odio è che questo mi costringe a fare quello che sta tra i supergiovani…a 41 anni.

Son cose.

Mi sono rotto le scatole di questi dibattiti sul futuro di Internet.

Soprattutto se parlare del futuro è solo un modo per ‘spostare in avanti il problema’ ed evitare di affrontare un concreto confronto con il presente dei media. E non solo di quelli digitali.

Gli italiani passano ormai un bel pò del loro tempo su Internet. Ci lavorano, si informano, si divertono e soprattutto oggi, si esprimono.

La raccolta pubblicitaria sul web ha superato quella della radio già da qualche anno nei mercati più evoluti tecnologicamente. Il web sta trasformando rapidamente l’approccio che molti di noi hanno rispetto ai media, esponendoci tutti alla possibilità e difficoltà di interagire, partecipare, produrre e distribuire contenuti. Il nostro ‘media-mix’ sta cambiando.

Basta parlare del futuro di Internet, è ora di parlare del presente dei media digitali un mondo con cui dobbiamo organizzarci a convivere.

Bugo al mitico Hiroshima Mon Amour trasmette su YouTube da Torino, Italia.

Ciao Catania.