Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mediocrita’ al potere

Non ci facevo conto ma l’ADSL e’ arrivata anche nell’atollo di Giravaru (non ce l’ha ancora fatta invece a percorre il tratto di 8 chilometri tra Castiadas e il mio condominio in Sardegna).

Ho appena finito di leggere il libro di Antonello Caporale "Mediocri. I poteri dell’Italia immobile". Libro che consiglio vivamente a tutti coloro che hanno a cuore le tristi sorti di questa generazione di giovani Italiani letteralmente fregata dai propri genitori e nonni.

Le storie sono del tutto simili a quelle raccontate da "La casta" e dal suo sequel "La deriva" di Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella. Storie perfettamente complementari alla "Meritocrazia" di Roger Abravanel, di cui consiglio anche il blog. Il tutto condito con narrazioni di degrado culturale dal tubo catodico italiota che danno il giusto contesto al libro. Storie tristi di baroni e baronetti, ricercatori fuggiti, politici clientelari, sprechi pubblici dei nostri soldi, veline, show televisivi inutili e cosi’ via. Roba a cui siamo ormai talmente tristemente abituati da passare quasi come acqua fresca.

Uno dei post piu’ letti e commentati del mio blog e’ stato quello su meritocrazia e gerontocrazia, questo segue lo stesso ragionamento ma in modo speculare: incentivare la mediocrita’ e’ lo strumento con cui viene gestito il potere gerontocratico. Popolare di mediocri yes-man le posizione chiave consente di mantenere il controllo del proprio status, piazzare gli amici degli amici e in ultima analisi coltivare il proprio potere, unico fine veramente raggiungibile del gerontocrate.

Negli ultimi anni mi sono convinto che nella maggior parte dei casi la gente non e’ intrinsecamente cattiva o corrotta, anzi al contrario. Ma e’ la macchina che e’ stupida, nel suo complesso. E’ una macchina che sta castrando le aspirazioni di un’intera generazione per soddisfare le voglie e le insicurezze di pochi. Il paradosso e’ che per tenere le chiappe sulla poltrona un’intera generazione composta prevalentemente da over 40 sta letteralmente fregando i propri figli e nipoti.

Una macchina che va cambiata. Ma come e iniziando da dove?